Perché “Guidati da Ajna” ?

da 25Gen2019

ALLA RICERCA DELL’ISOLA CHE NON C’È

E’ da un po’ che sento la necessità di capirci dentro qualcosa di questa vita. Ho iniziato col divorare libri che spiegassero il senso dell’esistenza alternandomi a momenti del tipo “posso tutto come un Dio”, attraverso la teoria della fisica quantistica, a momenti di massima umiltà, attraverso le letture di Osho; passavo dal progettare il futuro più prossimo con vere e proprie esercitazioni mentali, allo starmene inerme, intenta nella mera pratica dell’osservazione. Ma più leggevo più mi rendevo conto che “non puoi risolvere i problemi della mente trovando le risposte, perchè non si tratta di problemi intellettuali. I problemi sono esistenziali. Per esempio: sei assetato, il problema è esistenziale e qualcuno comincia a farti una disserzione sulla sete, sull’acqua, sui componenti dell’acqua, ti spiega come l’acqua spenga la sete. Tu risponderai: << è tutto giusto, ma io ho sete adesso. Non mi interessa che l’acqua sia composta da idrogeno e ossigeno, questo non è il mio problema. Non sto facendo una ricerca intellettuale sulla sete e sull’acqua; il mio problema è una questione di vita o di morte>>” ( Osho – In amore vince chi ama ). La vita, insomma, per capirla, non si può che viverla. A nulla contano anche i consigli. Chi ha mai seguito un consiglio? chi l’ha fatto è perché quello che ha ascoltato altro non è stato che quello che voleva sentirsi dire, ossia quello che avrebbe fatto anche senza quel consiglio! La verità è che per capire la lezione e per crescere, devi vivertela quella dannata cosa e non la si può considerare come vissuta se l’hai soltanto capita.  Ho letto da qualche parte che equivalga ad essere vissuta anche un’esperienza altrui vissuta con empatia… ma di questo parleremo un’altra volta. Tornando al senso della vita, alla luce delle ultime considerazioni, altro non può essere che il fare più esperienze possibili che vanno vissute con presenza per poter crescere e questo non è di certo possibile facendo una vita ripetitiva. <<Jenni, sono stanco di fare le stesse cose tutti i giorni, sento che dobbiamo cambiare qualcosa>>, mi ha detto una sera il mio compagno. Il fatto che mi stava esprimendo in parole quello che mi girava per la testa non era una novità per me; siamo una coppia così: uno la pensa, l’altro la dice, e quando succede, vuol dire che c’è da mettersi le mani tra i capelli! E infatti il fatto che questo pensiero fosse condiviso si è concretizzato in necessità di cambiamento, stato mentale dal quale non si può più tornare indietro. Abbiamo iniziato a parlare di come cambiarla questa realtà che non ci bastava più. Io e Nicola facciamo così: tutte le volte che incontriamo un ostacolo andiamo a comprarci un paio di birre e ci prepariamo con eccitazione una cenetta che abbiamo voglia di consumare quanto un bambino un gelato d’estate. Poi nel pieno della nostra serata, sereni e aperti alle nuove idee, iniziamo a ipotizzare le nostre soluzioni. La nostra fortuna risiede nel fatto che vogliamo tendenzialmente le stesse cose e questo ci permette di uscire sempre vincenti da qualsiasi situazione: credendoci in due le nostre energie si sommano e lavorano simultaneamente nella realizzazione di ciò che ci prefiggiamo. È in una serata di quelle che abbiamo preso la decisione istintiva di prenderci un camper per poterci regalare una nuova strada da percorrere. Perchè noi abbiamo bisogno di realizzarli i nostri sogni per sentirci vivi, abbiamo la necessità di convertire i pensieri in azione, abbiamo la necessità fisiologica ed il dovere di batterci per diventare le persone che siamo destinate di essere. Abbiamo spento la televisione e la radio, abbiamo chiuso i giornali e tappato le orecchie; abbiamo investito i nostri risparmi nell’acquisto del nostro camper per mostrare a nostro figlio che tutto è possibile nella vita. Perchè i bambini sono fatti così: imparano con l’esempio, non con i racconti.  È il sei di gennaio, giriamo la chiave del nostro motorhome dell’83 e usciamo dal porto, alla ricerca dell’isola che non c’è, guidati solo dal nostro istinto, guidati da Ajna, il solo occhio che può trovarla.

CHI SIAMO

il logo del blog di jenni evangelisti

Il nostro Blog Guidati da Ajna è ricco di articoli scritti in posti sempre diversi che stimolano nuovi spunti e nuovi argomenti del vivere secondo natura.

Pin It on Pinterest

Shares
Share This